Archivi categoria: Mitologia, Politeismo

Culti solari

Da Alateus:

Questo è un breve accenno alle caratteristiche dei miti che risalgono alla notte dei tempi. Vengono qui elencati solo alcuni concetti elementari che erano alla base dei primi culti solari apparsi sulla Terra.

Il motivo per cui tutti i racconti mitici sono così simili tra di loro come, ad esempio, l’uomo-dio crocifisso e risorto, che opera miracoli e che ha 12 apostoli, dipende dal fatto che tutte queste narrazioni sono ispirate al moto del sole attraverso il cielo, e quindi su uno sviluppo millenario di idee astro-teologiche, avvenute in ogni parte del mondo, in quanto i 12 segni dello zodiaco possono essere osservati ovunque.

In altre parole, Gesù e tutti gli altri miti di analoga struttura, sono soltanto personificazioni dell’entità solare e, tra questi, la favola evangelica è soltanto una piatta ripetizione di una comune ricetta mitologica, basata sul creduto movimento del sole intorno alla terra.
Molti degli uomini-dio crocifissi, in ogni parte del mondo, hanno in comune la data di nascita fissata al 25 Dicembre. Questo è dovuto al fatto che i nostri antenati, attenti osservatori del cielo, avevano notato (da una prospettiva geocentrica) che il sole si abbassa annualmente verso l’orizzonte, sino alle date del 21/22 Dicembre, solstizio d’inverno, dove sembra restare fermo per circa tre giorni, per poi riprendere nuovamente il suo percorso ascendente sino allo zenit del solstizio d’estate. Durante questo periodo gli antenati credevano che il sole morisse (allegoricamente), per tre giorni, per poi risuscitare il 25 Dicembre.

In sintesi:

· Il sole muore per tre giorni a partire dal 22 Dicembre, solstizio d’inverno, quando arresta il suo movimento discendente, per poi tornare a nascere, o risuscitare, il 25 Dicembre, riprendendo il suo movimento ascendente.

· In alcune zone della terra, il calendario, in origine, iniziava nella costellazione della Vergine e quindi il sole risulterebbe partorito da una Vergine. (N.B.: La precessione degli equinozi ha modificato questo concetto).

· Il sole è la “Luce del Mondo”.

· Il sole cammina sopra le nubi e tutti lo possono osservare.

· Il sole che sorge al mattino è il “salvatore” del genere umano.

· Il sole porta una corona o aureola: la “corona di spine”.

· Il sole cammina sulle acque (come riflesso).

· I seguaci del sole, “apostoli o discepoli” sono i 12 mesi dell’anno, o anche i 12 segni delle costellazioni (zodiaco) attraverso i quali il sole stesso dovrà passare.

· Il sole a mezzogiorno, quando raggiunge lo zenit, si trova nella casa, o tempio dell’Altissimo.

· Il sole entra in ciascun segno dello zodiaco ogni 30 gradi sull’orizzonte; quindi il sole (figlio di dio) inizia il suo ministero al trentesimo anno.

· Il sole è appeso ad una croce (crocifisso) e questo simboleggia il suo passaggio attraverso gli equinozi e, cadendo a Pasqua l’equinozio di primavera, a quel tempo risorge.(*)
(Rif.710)

(*) Ndr

Nelle regioni più vicine all’equatore, nell’emisfero nord, era possibile vedere le stelle della Croce del Sud. La coincidenza tra la “morte” del sole e la posizione della Croce del Sud sullo stesso punto dell’orizzonte dovrebbe essere stata l’origine del concetto della morte in croce del dio…..

Giorno del Sol Invictus

Da Resistenza Laica:

…..il 25 dicembre, terzo giorno dopo il solstizio d’inverno, data nella quale il sole ricomincia ad allungare il suo periodo rispetto alla notte (vittoria della luce sulle tenebre), una divinità nacque da una vergine in una grotta.
Lo sanno tutti. Egli era considerato “la Via, la Verità e la Luce”, ed il “Logos”, “Redentore”, “Salvatore”, e “Messia”. Ai suoi seguaci veniva promessa immortalità. Come il “grande toro del Sole”, Egli si sacrificò per la pace del mondo. Egli fu sepolto in una tomba e risorse dopo tre giorni. Il suo giorno sacro era la Domenica, il “Giorno del Signore”.
Egli aveva “12 discepoli”.
La sua religione aveva una eucaristia o “Cena del Signore”, alla quale disse, “Colui che non mangerà il mio corpo né berrà del mio sangue in modo che egli possa diventare una sola cosa con me ed Io con lui, non sarà salvato”. Avete indovinato? Bravi, è proprio Mitra!

Volete altri culti precristiani che contano le stesse avventure? Eccoli: Horus, Ercole, Mithra, Bacco, Cibele, Shamash, Baal Marduk, Zoroastro, Krishna.
Krisna e Zoroastro erano stati partoriti da una vergine, come anche Budda (da un taglio in una gamba, secondo certe tradizioni, Bochia, Osiride, Serrapis, Mardouk e molti altri personaggi dei culti religiosi di ogni tempo e latitudine. Attis di Frigia (venerato in Grecia intorno al 1200 a.C.), oltre a essere nato da una vergine il 25 dicembre, fu crocifisso e resuscitò dopo i tre giorni canonici. La nascita di Krishna (India, circa 900 a.C.) fu annunciata da una stella comparsa a oriente; anch’egli fece diversi miracoli, fu crocifisso e resuscitò, come da copione.

Dioniso (Grecia, 200 d.C.), nato come sempre da una pia donna il giorno di Natale, compì diversi miracoli tra i quali la trasformazione dell’acqua in vino, fu chiamato “Re dei Re” e “L’Alfa e l’Omega”, fu anche lui crocifisso e anche a lui la crocifissione fece un baffo.
Mitra, insomma, il cui culto era nato in Persia intorno al 1200 a.C., e che nacque il solito giorno dalla solita zitella, ed ebbe 12 discepoli, fece miracoli, rimase morto per i tre canonici giorni trascorsi i quali pensò che fosse abbastanza, è solo uno, il più impressionanti dei predecessori di Cristo. Tra le altre cose interessanti, il giorno sacro a Mitra era, lo abbiamo detto, la domenica, giorno dedicato all’adorazione del sole. Tant’è vero che in molte culture, il nome di questo giorno reca ancora traccia della divinità solare a cui era consacrato.
In inglese la domenica è “Sunday” (giorno del sole), in tedesco è “Sonntag” (idem), perfino in lingua giapponese domenica si dice “Nichiyoubi”, dove “nichi” è appunto il sole, rappresentato con il caratteristico ideogramma kanji (un quadrato diviso a metà da una lineetta).

curiosità:

1. Tra i vari miracoli del figlio di una vergine Horus, c’è quello dell’aver resuscitato un morto di nome El Azar us (Lazzaro). Veniva chiamato anche Iusa (“figlio prediletto”). Combattè per 40 giorni nel deserto contro il malvagio fratello Seth, signore della tenebra. La lotta tra Horus e Seth era eterna.

2. I parallelismi si fanno ancora più evidenti se si prende in esame il culto di Osiride, il padre di Horus, risalente ad epoca egizia anteriore. Il rituale dell’adorazione di Atum-Amòn-Osiride, prevedeva che i fedeli mangiassero alcune focacce di frumento che rappresentavano il “corpo” della divinità (le piantagioni di frumento potevano crescere grazie al sole, rappresentando così la manifestazione fisica di Dio). Nel corso del rituale veniva esibito un ostensorio rappresentante il disco solare, che veniva sollevato in alto dinanzi ai fedeli riuniti in preghiera.
Il termine “ostensorio”, contrariamente a ciò che si crede, non è cristiano e non deriva da “ostia”, ma da un etimo egizio, poi adottato anche dal latino, che significa “mostrare, esibire”. Fino al XV sec. d.C., gli ostensori cristiani avevano la forma di un disco d’oro luccicante (il sole). Fu San Bernardino da Siena a sostituire per primo, intorno al 1400, tale disco con la teca contenente l’ostia consacrata.

3. Le preghiere a Osiride erano intercalate e concluse dall’invocazione del suo nome (Amòn), che ricorda in modo inequivocabile l’“Amen” che conclude le preghiere cristiane.

Originale

Mitra di Persia – Influssi sull’origine del Cristianesimo

Zeitgeist – The movie (sottotitoli in it.)

(Work in Progress)

Solstizio invernale: la rinascita della luce solare

L’originale

IL NATALE E LE SUE RADICI

I CULTI SOLARI NELL’EMISFERO NORD

PREMESSA

E’ scritto nella “Nuova Enciclopedia Cattolica” dell’Ordine Francescano (ed.1941): “…per inspiegabile che sembri, la data di nascita di Cristo non è nota. I Vangeli non indicano né il giorno né l’anno”; “fu assegnata la data del solstizio d’inverno perché in quel giorno in cui il Sole comincia il suo ritorno nei cieli boreali, i pagani che adoravano Mitra celebravano il Dies Natalis Solis Invicti” (giorno della nascita del sole invincibile)”.

Poiché è strabiliante che la principale Festività d’Occidente, diffusa e celebrata in molte parti del mondo, abbia a supporto una così vaga documentazione storica, siamo andati a ricercare, con spirito aperto al nuovo, le documentazioni relative ed abbiamo fatto scoperte sorprendenti.

IL 25 DICEMBRE NATALE DEL SOLE:

LA FESTA PIU’ “INTERCULTURALE” DELL’ANTICHITA’

La data del 25 dicembre è un giorno di festa è tra le più ricca di commistioni culturali e religiose della storia umana:

nelle radici del Natale abbiamo culture e religioni provenienti

dalla Siria,

dall’Egitto,

dalla Mesopotamia,

dalla Persia,

dall’Arabia

e dalla stessa antica Roma.

Il 25 dicembre è la data di nascita e festeggiamento di personaggi divini precedenti la comparsa di Cristo: il Dio Horus egiziano, il Dio Mitra indo-persiano, il Dio babilonese Tammuz/Yule e Shamas; sempre il 25 dicembre veniva festeggiato l’Invictus Sol Elagabalus a Emesa e il Dio Sole Dusares/Helios a Petra. In tale data viene accreditata la nascita anche di Zarathustra e Khrisna, Dioniso, Adone, Attis, , il Dio Freyr, secoli o millenni prima di Cristo.

Alcune celebrazioni le troviamo nell’antichità addirittura in Messico ed in India. Basti pensare che in corrispondenza del nostro 25 dicembre, le popolazioni azteche e pre-azteche celebravano la nascita del Dio del Sole Huitzilopochtli e di Bacab nello Yucatan. Nell’Emisfero Sud invece, essendo le stagioni rovesciate e cadendo quindi il solstizio d’inverno in Giugno, vi era la Fiesta del Sol (Inti Raymi – 24 giugno) delle antiche popolazioni incaiche e pre-incaiche, festa ancor oggi celebrata in Perù e nella regione andina.

…..

Nell’emisfero nord, nei giorni 22-23-24 dicembre il Sole sembra fermarsi in cielo (più si è vicini all’equatore più il fenomeno è evidente): è il Solstitium (Sole fermo).

In astronomia sono quei giorni in cui il sole si ferma per invertire il proprio moto nel senso della DECLINAZIONE; è cioè il punto dove il Sole raggiunge la massima distanza dal piano equatoriale. Il buio della notte raggiunge la massima estensione e la luce del giorno la minima. Abbiamo la notte più lunga ed il giorno più corto dell’anno. Subito dopo il solstizio, la luce del giorno torna gradatamente ad aumentare ed il buio della notte a ridursi fino al solstizio d’estate, a giugno quando avremo il giorno più lungo dell’anno e la notte più corta.

Convenzionalmente il solstizio cade il giorno 21, ma per l’inversione apparente del moto solare diventa visibile il terzo/quarto giorno successivo.

In poche parole il solstizio d’inverno ai tempi significava che il Sole, giunto nella fase più debole come luce e calore, non sprofondava nelle tenebre dove sembrava precipitare, ma diventava con la sua vitalità “invincibile” (invictus) sulle stesse tenebre, il Sole “rinasceva”, aveva un nuovo “natale”.

Appunto il “Natale del Sole Invincibile”.

Le popolazioni antiche ben conoscevano questo fenomeno del solstizio e lo trasformarono in occasione di festa. Questa interpretazione astronomica spiega perché il 25 dicembre (e giorni adiacenti) sia una data presente in culture e paesi molto distanti tra loro, dall’India al Messico, dal nord Europa all’Etiopia..

L’originale

Il significato magico del Solstizio d’Inverno/Natale

Da Disinformazione:

…..

Pochi sanno… che, intorno alla data del 25 Dicembre, quasi tutti i popoli hanno sempre celebrato la nascita dei loro esseri divini o soprannaturali: in Egitto si festeggiava la nascita del dio Horo e il padre, Osiride, si credeva fosse nato nello stesso periodo; nel Messico pre-colombiano nasceva il dio Quetzalcoath e l’azteco Huitzilopochtli; Bacab nello Yucatan; il dio Bacco in Grecia, nonché Ercole e Adone o Adonis; il dio Freyr, figlio di Odino e di Freya, era festeggiato dalle genti del Nord; Zaratustra in Azerbaigian; Buddha, in Oriente; Krishna, in India; Scing-Shin in Cina; in Persia, si celebrava il dio guerriero Mithra, detto il Salvatore ed a Babilonia vedeva la luce il dio Tammuz, “Unico Figlio” della dea Istar, rappresentata col figlio divino fra le braccia e con, intorno al capo, un’aureola di dodici stelle.

Nel giorno del Natale il Sole, che, nel suo moto annuo lungo l’eclittica – il cerchio massimo sulla sfera celeste che corrisponde al percorso apparente del Sole durante l’anno -, viene a trovarsi alla sua minima declinazione nel punto più meridionale dell’orizzonte Est della Terra, che culmina a mezzogiorno alla sua altezza minima (a quell’ora, cioè, è allo Zenit del tropico del Capricorno) e manifesta la sua durata minima di luce (all’incirca, 8 ore e 50/55 minuti) (2); raggiunto il punto più meridionale della sua orbita e facendo registrare il giorno più corto dell’anno, riprende, da questo momento, il suo cammino ascendente.

Nella Romanità, in una data compresa tra il 21 e il 25 dicembre, si celebrava solennemente la rinascita del Sole, il Dies Natalis Solis Invicti, il giorno del Natale del Sole Invitto, dopo l’introduzione, sotto l’Imperatore Aureliano, del culto del dio indo-iraniano Mithra nelle tradizioni religiose romane e l’edificazione del suo tempio nel campus Agrippae, l’attuale piazza San Silvestro a Roma, che era praticamente incluso all’interno di un più vasto ciclo di festività che i Romani chiamavano Saturnalia, festività dedicate a Saturno, Re dell’Età dell’Oro, che, a partire dal 217 a .C. e dopo le successive riforme introdotte da Cesare e da Caligola, si prolungavano dal 17 al 25 Dicembre e finivano con le Larentalia o festa dei Lari, le divinità tutelari incaricate di proteggere i raccolti, le strade, le città, la famiglia.

Testo completo

Santo Sepolcro alla moviola

Da L’Espresso:

Il derby tra monaci cristiani nella cornice del Santo Sepolcro ha avuto un’audience mondiale. La moviola ha messo a nudo i colpi scorretti: barbe incendiate a tradimento, entrate a candelabro teso

La zuffa tra armeni e ortodossi

Il recente derby tra monaci cristiani nella prestigiosa cornice del Santo Sepolcro di Gerusalemme ha avuto un’audience mondiale e un gradimento altissimo.
Le solite polemiche del dopo-partita (la moviola ha messo a nudo diversi colpi scorretti: barbe incendiate a tradimento, entrate a candelabro teso) fanno parte del gioco. Già nel girone d’andata, nel 643, un arcidiacono greco-ortodosso fece ingoiare un Vangelo al capitano dei copti.
Negli spogliatoi, secondo la tradizione sprovvisti di docce per mantenere intatto l’afrore penitenziale dei monaci, sono volate parole grosse: non esistendo una classifica condivisa, ogni squadra sostiene di essere al primo posto. In questo campionato più che millenario, del resto, nessuno ricorda esattamente regole e punteggio. Si sa solo che il calcio d’avvio venne dato, nel quinto secolo dopo Cristo, da un pope di Salonicco a un diacono berbero. E che lo scopo del gioco è mantenere il controllo del Santo Sepolcro, il diritto sui ceri, la gestione dell’acquasantiera, la vendita delle cartoline, gli incassi del fast-food ‘Perpetua’s’ e altre priorità di ordine spirituale. Ma quali sono i principali team in lizza?

Greco-ortodossi Sono la più agguerrita delle sette-otto formazioni cristiano-ortodosse. Si sono costituiti in Chiesa autonoma più di mille anni fa per ragioni ormai dimenticate. Erano custodite
in un manoscritto che è stato più volte manomesso da monaci rivali, precursori degli hackers: si introducevano nottetempo nella cripta e correggevano a penna le frasi sgradite. Controllano l’altare maggiore, i confessionali dispari e le cuffie per i turisti, rigorosamente in greco. I turisti di altre lingue che si recano all’ufficio reclami per protestare vengono ricevuti dal pope Dimitri Karneras, ex campione di wrestling.

Veri greco-ortodossi

Identici ai precedenti, sia nel culto che nel nome, ma costituiti in chiesa autonoma per divertimento. Controllano solo un paio di piccoli affreschi rinvenuti a Montmartre nel 1989, ma sostengono che si tratta di due Michelangelo.

Greci non ortodossi Sono i greci non ortodossi.

Grieco-ortodossi Minuscola chiesa dissidente, raccoglie gli ortodossi della famiglia Grieco: Ugo, Marcello e Gino.

Copti Maltrattati dai musulmani perché cristiani, dai cristiani perché egiziani e dagli egiziani perché cantano ad alta voce anche di notte, i copti presidiano il tetto del Santo Sepolcro. Sono invisi alle altre confessioni perché appendono il bucato sulla parabola oscurando i televisori.

Supercopti Diaspora dei copti, odiano gli altri copti e si sono alleati con i musmeci, minuscola setta animista che si è finta cristiana per ottenere il controllo del parcheggio delle biciclette.

Siriano-armeni Tentativo di fusione dei siriaci e degli armeni, inteso a unificare il controllo di una panca che prima era divisa a metà con il filo spinato.

Siriano-etiopi Come sopra, sempre per unificare il controllo di una panca. Purtroppo, è la stessa panca rivendicata dai siriano-armeni. Per questo tra siriano-armeni e siriano-etiopi non corre buon sangue: le loro risse rituali consistono nel sedersi in cinquanta su una panca lunga tre metri, spesso uno sopra l’altro, spintonandosi e urlando “C’ero prima io”.

Pompieri Intervenuti più volte per spegnere incendi e separare con gli idranti i contendenti, hanno cominciato a prenderci gusto e hanno deciso di costituirsi anche loro in Chiesa cristiana, occupando stabilmente una cappella laterale munita di botola e palo metallico per scendere velocemente nei sotterranei. La caratteristica tonaca rossa, con sirena bitonale sull’elmetto, è molto amata dai bambini in visita al Santo Sepolcro.

Frutta la fede saputa vendere!

Da UAAR:

Una gigantesca rissa tra monaci cristiani ha avuto oggi luogo all’interno della basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme, edificata sul luogo dove, secondo la leggenda, Gesù sarebbe stato crocifisso, sepolto e risuscitato. Da una parte rappresentanti della Chiesa armena, dall’altra greci-ortodossi. Per sedare (a fatica) gli animi è dovuta intervenire la polizia israeliana.


Altre immagini sul sito di Repubblica TV.

***

Frutta la fede saputa vendere!

Il Cristo, ovviamente, tace e lascia fare

Luigi Cascioli querela la Ciesa Cattolica per abuso della credulità popolare

Luigi Cascioli querela la Ciesa Cattolica per abuso della credulità popolare

Comunicato Stampa – da pubblicare e rilanciare


Seconda querela contro la Chiesa Cattolica per abuso della credulità popolare

Gesù Cristo non è un personaggio esistito.

Viterbo – Rovigo – Dopo la prima denuncia contro la Chiesa cattolica nella persona del parroco di Bagnoregio, don Enrico Righi, per abuso della credulità popolare e sostituzione di persona, terminata in seguito all’archiviazione del Tribunale di Viterbo e alla respinta del Tribunale di Strasburgo per vizio di forma, Luigi Cascioli ne ha presentata una seconda, sempre per gli stessi reati, contro Mons. Lucio Soravito de Franceschi, vescovo di Rovigo.

ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA

PRESSO IL TRIBUNALE DI ROVIGO

Il sottoscritto Luigi Cascioli, residente in Roccalvecce (Viterbo) via delle Province 45/B

ESPONE QUANTO SEGUE

Il sottoscritto, dopo lunghi e approfonditi studi consistenti anche (e non solo) in un’esegesi testuale del Vecchio e Nuovo Testamento, è arrivato alla conclusione che molti dei fatti presentati come veri e storici dalle “Sacre Scritture” sono in realtà dei falsi, primo fra tutti la storicizzazione della figura di Gesù il Cristo, per buona parte mutuata sulla figura di Giovanni di Gamala, figlio di Giuda il Galileo, discendente della stirpe degli Asmonei.

Le motivazioni che hanno condotto il sottoscritto a tale conclusione sono dettagliatamente esposte nel libro che si allega al presente esposto, del quale costituisce parte integrante e sostanziale. Con il seguente esposto non si vuole contestare la libertà dei cristiani di professare la propria fede, sancita dall’art. 19 della Costituzione, ma si vuole stigmatizzare l’abuso che la Chiesa Cattolica commette avvalendosi del proprio prestigio per inculcare come fatti reali e storici quelle che non sono altro che invenzioni.

Un chiaro esempio di tale abuso è stato commesso da Mons. Lucio Soravito de Franceschi, vescovo della diocesi di Rovigo, allorché ha sostenuto in un messaggio pastorale del 23 dicembre 2005 la figura storica di Gesù affermando falsamente: «Dio (Gesù) nascendo in un luogo ben definito, Betlemme, e in un preciso momento storico: al tempo di Augusto, sotto il governatore della Siria Quirinio, durante il censimento: Gesù non è mito, non è una favola, ma una realtà che appartiene alla nostra storia».

Che la figura di Gesù sia stata costruita per intero su quella di certo Giovanni di Gamala, figlio di Giuda detto il Galileo, risulta in maniera inconfutabile da una si grande quantità di prove da togliere ogni dubbio sulle falsificazioni operate dai redattori dei vangeli. Basterebbe soltanto quella riguardante la trasformazione dell’appellativo Nazireo, con cui veniva chiamato Giovanni di Gamala, in quella di Nazareno data a Gesù, quale abitante di Nazaret, per dimostrare nella maniera più assoluta la sostituzione di Persona.

Da un punto di vista penalistico, tali falsificazioni storiche possono integrare le fattispecie di due reati: l’abuso della credulità popolare e la sostituzione di persona (nel caso di Gesù Cristo).

Ai sensi dell’art. 661 C.P., si ha abuso della credulità popolare quando taluno, per mezzo d’imposture, trae in inganno una moltitudine di persone. Nel caso di specie, i ministri del culto della Chiesa Cattolica, come Mons. Lucio Soravito de Franceschi, commettendo dei falsi storici (quindi presentando come veri e realmente accaduti dei fatti inventati funzionali alla dottrina religiosa) ingannano tutte le persone che vengono a contatto con l’insegnamento di tale religione inducendoli a credere nella stessa sulla base non di argomentazioni puramente teologiche (del tutto lecite e ammissibili), ma sulla base di un’ingannevole rappresentazione dei fatti. Il reato è contravvenzionale, per cui è sufficiente l’elemento psicologico della colpa, che è certamente riscontrabile in tutti i ministri del culto cattolico (quindi anche di Mons. Lucio Soravito de Franceschi), atteso che non è possibile che persone istruite e che, per vocazione e mestiere, studiano continuamente la Bibbia e i Vangeli non si siano accorte delle numerose e ripetute falsità (anche grossolane) contenute in tali scritti. Per quanto attiene al delitto di sostituzione di persona, esso si riscontra allorquando un soggetto, per trarre vantaggio, induce altri in errore attribuendo, a se o ad altri, un falso nome.

Nel caso in esame, il libro “La Favola di Cristo”, (cui rimando per più esaurienti spiegazioni) dimostra che Gesù Cristo non è mai esistito e che sotto tale nome si cela tal Giovanni di Gamala.

Quindi Mons. Lucio Soravito de Franceschi che fa proselitismo, come tutti i ministri della Chiesa, per trarre vantaggio dal numero dei fedeli che tanto è maggiore e tanto più grande sarà l’introito economico derivante dalle sue offerte, tra cui quella dell’8 per mille abbinata alla dichiarazione dei redditi, inducendo in errore, sulla base di tali falsità, coloro i quali ricevono il messaggio, commette il reato previsto e punito dall’articolo 494 del Codice Penale.

Tra l’altro, per integrare il reato in parola, “non è necessario che il fine propostosi dall’agente sia di per se stesso illecito o di natura patrimoniale, ben potendo essere lecito e non patrimoniale” (Cass.pen. n. 10805/98 — n 3645/99 — n 230694/04 — 1910/05).

L’elemento soggettivo richiesto è il dolo specifico che sussiste in tutti questi soggetti che, pur essendo consapevoli di tale falsità, non si fanno scrupolo di continuare a propalare come fa Mons. Lucio Soravito de Franceschi.

La responsabilità del Sommo Pontefice può essere solo morale, attesa la sua immunità ai sensi dell’articolo 3 — I comma C.P., mentre per gli altri ministri del culto cattolico (come nel caso specifico Mons. Lucio Soravito de Franceschi) è da prospettarsi di natura penale.

La continua presentazione di fatti falsi gabellati come veri lede anche la tranquillità morale e la serenità dell’esponente, con conseguente danno di emotional distress, di cui si chiederà il risarcimento del danno nelle opportune sedi, mediante tempestiva costituzione di parte civile, che si riserva fin d’ora.

Il sottoscritto rimanendo a disposizione dell’autorità giudiziaria per fornire ogni chiarimento, si riserva d’integrare quanto esposto e chiede espressamente di essere sentito sui fatti di cui sopra.

Tanto premesso e considerato, il sottoscritto Luigi Cascioli presenta formale

DENUNCIA-QUERELA

nei confronti di Mons. Lucio Soravito de Franceschi, residente presso la diocesi in via Sichirollo 18 45100 Rovigo, per i reati p.e p. degli articoli 494 e 661 C.P., nonché per ogni altro reato che la Signoria Vostra Illustrissima vorrà ravvisare nel comportamento sopra descritto.

Con riserva di costituzione di parte civile nei modi e nei tempi stabiliti dalla legge, chiedo, ex art. 408 C.P.P. di essere informato in caso di archiviazione della notizia criminis.

Si allega alla presente denuncia il libro “La Favola di Cristo” e la copia della lettera pastorale a miglior riprova di quanto esposto.

Roccalvecce 08/11/2008

Con osservanza.

Luigi Cascioli


Nella foto il cristologo Luigi Cascioli, attorniato dalle televisioni internazionali, autore dei libri denuncia:

“La favola di Cristo – Inconfutabile dimostrazione della non esistenza di Gesù”

“La Morte di Cristo – Cristiani e Cristicoli”

Riferimenti:

www.luigicascioli.it

http://nochiesa.blogspot.com

Interviste, conferenze, convegni e altro tel. 3393188116

La “verità cristiana” e le mitologie

Da Reuters Italia

Photo

CITTA’ DEL VATICANO (Reuters) – Il Papa ha detto oggi che è necessario affrontare il tema della morte e della vita eterna, per evitare che la verità cristiana si confonda con credenze superstiziose e mitologie di vario genere.

“E’ necessario anche oggi evangelizzare la realtà della morte e della vita eterna, realtà particolarmente soggette a credenze superstiziose e a sincretismi, perché la verità cristiana non rischi di mischiarsi con mitologie di vario genere”, ha detto Benedetto XVI nella giornata in cui la chiesa commemora i defunti.

****

Cristianesimo fondato su antiche culture e miti – “Comuni origini cristiane dell’Europa”

Krishna – Influssi sulle origini del Cristianesimo

Mitra di Persia – Influssi sull’origine del Cristianesimo

Ercole – Mito e influssi sul Cristianesimo

Osiride/Horus – Influssi sulle origini del Cristianesimo

I Discepoli sono i Segni dello Zodiaco – da “The Christ Conspiracy”

Zeitgeist – Film sull’Origine delle Religioni – Sottotitoli in italiano

Cristianesimo prima di “Cristo” – Introduzione

I Misteri – Origini del Cristianesimo

Il Concilio di Nicea – Origini del Cristianesimo

Ecc., ecc., … e chi più ne ha, più ne metta!


Dying and Rising Gods

Un forum interessante per chi ha interesse per l’argomento e può seguire il dibattito in inglese