Il libro in una mano, la bomba nell’altra

***

Correlati:

La religione che uccide

Annunci

Una risposta a “Il libro in una mano, la bomba nell’altra

  1. Il capo dei fascisti croati, Ante Pavelic, il 18 maggio ‘41, “circondato dai suoi banditi” fu ricevuto festosamente e solennemente da Pio XII che gli impartì la benedizione apostolica, come faceva Innocenzo III nel 1209 ai crociati che andavano a sterminare i Cristiani gnostici della Linguadoca. Centomila donne, vecchi e bambini furono massacrati in pochi giorni nel luglio 1941. Come nella Chiesa di S. Nazario e di S. Maria Madddalena a Béziers nel 1209 (7.000 sgozzati) , la chiesa di Glina servì come mattatoio, così come racconta lo storico A. Miller:

    “Il bagno di sangue durò dalle dieci di sera fino alle quattro del mattino e continuò per otto giorni. Le uniformi dei macellai dovettero essere cambiate perché grondavano sangue. Dopo si trovarono bambini infilzati negli spiedi, con le membra ancora spasmodicamente contratte nel dolore” .

    Le “macellerie cattoliche” in Croazia furono di una tale perversione e cattiveria che gli stessi fascisti italiani e le stesse SS dovettero intervenire contro gli Ustascia, ed il ministro degli esteri Ribbentrop protestò contro simili inaudite ed ingiustificabili violenze di una gratuità che andò ben oltre i lager di Himmler.

    da: LA RELIGIONE CHE UCCIDE
    COME LA CHIESA DEVIA IL DESTINO DELL’UMANITÀ
    (Nexus Edizioni), giugno, 2010.
    517 pagine, 130 immagini, € 25

    http://www.shopping24.ilsole24ore.com/sh4/catalog/Product.jsp;jsessionid=5CEA4413C7EEA5149DD28140DBE79EC4?PRODID=SH246200038
    http://www.macrolibrarsi.it/libri/__la-religione-che-uccide.php
    http://shop.nexusedizioni.it/libri_editi_da_nexus_edizioni_la_religione_che_uccide.html
    http://www.macroedizioni.it/libri/la-religione-che-uccide.php
    http://www.unilibro.it/find_buy/findresult/libreria/prodotto-libro/autore-di_benedetto_alessio_.htm
    http://alessiodibenedetto.jimdo.com/novita-2010/
    http://alessiodibenedetto.blogspot.com/2010/04/fuori-della-chiesa-non-ce-salvezza.html

    Fig. 103: Pio XII riceve, con tutti gli onori, Pavelic in Vaticano

    Come scrive Karlheinz Deschner: “Così ebbe inizio una crociata cattolica che non ha nulla da invidiare ai peggiori massacri del Medioevo, ma piuttosto li supera. (…) Furono fucilati a mucchi, colpiti con la scure, gettati nei fiumi, nelle foibe, nel mare. Venivano massacrati nelle cosiddette ‘Case del Signore’, ad esempio duemila persone solo nella chiesa di Glina. Da vivi venivano loro strappati gli occhi, oppure si tagliavano gli orecchi ed il naso, da vivi li si seppelliva, erano sgozzati, decapitati o crocifissi. Gli Italiani fotografarono un sicario di Pavelic che portava al collo due collane fatte con lingue ed occhi di esseri umani” .

    Il programma era di ricattolicizzare la Croazia a tutti i costi. Si pensi alle parole del padre francescano Simic: “Ammazzare tutti i serbi nel più breve tempo possibile”, a cui rispondevano i malvagi gridi d’odio di Pavelic: “Un terzo dei Serbi deve diventare cattolico, un terzo deve abbandonare il paese, un terzo deve morire”. Le chiese ortodosse furono trasformate in luogo di culto cattolico o completamente cancellate persino dalla memoria storica. Il vicario Josif Lach espresse tutto l’appoggio della chiesa cattolica croata al nuovo regime “(…) Purché mai e in nessun caso sia violata la suprema legge del Vangelo di Cristo”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...