Dedicato a chi non sa come liberarsi del marchio della croce

Il senso di colpa ci perseguita in ogni tentativo di ribellione.
Non sappiamo perchè ci sentiamo colpevoli eppure è un forza potente che ci imprigiona.
Tentare di trovare una chiave di accesso che ci permette di rivedere l’opera di Cristo potrebbe liberarci dalla mortificazione secolare dello spirito.
Occorre tornare indietro nel tempo.
Il popolo Ebraico aspettava un liberatore (vedi Esseni- rotoli del Mar Morto) dal dominio Romano e dalla corruzione dei Rabbini del Tempio, (c’è una certa similitudine con i nostri politici corrotti e gli inquilini del Vaticano)
Quando Cristo iniziò la sua opera pubblica trovò terreno fertile in quanto atteso.
Era un sensitivo, un guaritore ed aveva appreso l’arte di parlare alle folle.
Il suo obiettivo era quello di liberare gli oppressi e i poveri di spirito infondendo una operazione collettiva di coraggio al fine ridarsi dignità.
Come?
Mettendo in atto una commedia “Divina”
operò pubblicamente dimostrando di essere uno che resuscitava i morti, ma in realtà essendo un guaritore sensitivo sapeva chi era morto veramente e chi invece era colto da apoplessia ed era quindi “apparentemente morto”. A quel tempo imporre le mani terapeutiche su un morto  e risvegliarlo suscitava scalpore, quindi grida al miracolo….. ecco è proprio lui il figlio di dio. (parleremo in altra sede come funzionano ed interagiscono le energie vitali tra esseri viventi.)
Tornando quindi all’opera temporale egli continuò a parlare di giustizia ed eguaglianza accusando i potenti di corruzione ed avidità.

Scelse i suoi stretti seguaci che usò a loro insaputa per la commedia.

Il più usato in maniera fraudolenta fu Giuda, destinato alla denuncia, nel momento in cui Cristo stesso insinuò occultamente il dubbio che egli non fosse il figlio di dio.

Perché questa COMMEDIA?

Perché per ridare dignità a quel popolo malato di codardia occorreva infondere loro il coraggio di ribellarsi, al dominio dei Romani ed ai Rabbini corrotti,  contro una ingiusta condanna verso un uomo che era il figlio di dio.

Quindi la liberazione ed un nuovo regno consistevano nel ridare dignità a chi l’aveva perduta subendo mortificazioni dai potenti corrotti usando se stesso come strumento di riscatto.

Una socetà di uomini liberi e riscattati perché coraggiosi riporta il vivere collettivo in armonia e giustizia.

Perché l’opera è fallita……

Come poteva pretende di essere liberato da una condanna di sobillatore e mistificatore colui che era venuto, per liberare?

Chi aveva creduto in lui rimase profondamente deluso si sentì ingannato e così fu per la moltitudine che lo aveva seguito; la ribellione e la rabbia dell’inganno si ritorsero contro di lui, a giusta regione per quel tempo.

Quindi morì disperato , con profondo senso di fallimento e abbandonato dal padre….e qui emerge l’atto di orgoglio nell’essere convinto di avere un dio per padre.

Orgoglio pagato a caro prezzo perchè ne consegue che riteneva il resto dell’umanita, una sottospecie.

Ma come tutte le opere alchemiche della vita………. passò il tempo e nelle coscienze dei più nobili di animo si insinuò…. il senso di copa per non aver alzato un dito verso colui che in fondo aveva fatto e detto solo parole giuste.

Delle colpe di cui ci siamo macchiati ce  ne possiamo liberare solo se abbiamo l’umiltà ed il coraggio di chiedere perdono all’offeso. Ma…. ormai era morto e stramorto atrocemente come era a quel tempo la pubblica crocefissione inflitta dai Romani.

Come liberarsi dalla ignominia di sapersi vigliacchi, codardi,pavidi e complici di un assassinio?

Cominciò così un’altra opera da parte degli ebrei che avevano seguito, ascoltato ricevuto del bene da Cristo….., magnificarlo sempre più di generazione in generazione……ma qui inizia un’altra storia.

Alla luce di quanto sopra detto che la si possa ritenere attendibile oppure no ciascuno ne faccia l’uso che vuole, buttarla anche nel secchio delle immondizie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...