Uno Yogi vive da 74 anni senza acqua ne’ cibo!!!

NEW DELHI  – Un asceta indù sopravvive senza mangiare e senza bere da 74 anni. L’uomo, che si chiama Prahlad Jani e ha 82 anni, si trova sotto esame in un ospedale dello stato settentrionale del Gujarat, secondo quanto riporta Ahmedabad Mirror. Un team di medici del Defence Institute of Physiologist and Allied Science (Dipas), un centro di ricerca della difesa, intende scoprire qual è il segreto di questa sua straordinaria capacità di resistenza, dovuta a un’antica tecnica di meditazione yoga. Jani era già stato esaminato nel 2003 da un’altra squadra di medici, che non erano riusciti a spiegare scientificamente il fenomeno. Sembra che lo “yogi”, che si trova in perfetta salute, “sia capace di produrre urina nella sua vescica e poi in base alla sua volontà di rimandarla in circolo” spiega il medico Sudhar Shah. Nato in un povero villaggio del Gujarat, il santone sostiene di aver ricevuto questi suoi poteri speciali da una divinità all’età di otto anni. La tecnica è conosciuta come “breatharianismo” e consiste nel raggiungere con il potere mentale il totale dominio delle proprie funzioni corporee.

Fonte: ANSA.IT

p.s.

Questa volta i fregnoni tipo “Teologo Cattolico” e queruli vari, si astengano dai loro commenti scettici e fanciulleschi, o bruceranno tutti nell’inferno di cristallo dell’Egotismo… (   🙂   )

Advertisements

21 risposte a “Uno Yogi vive da 74 anni senza acqua ne’ cibo!!!

  1. teologo cattolico

    Visto che mi invogli a commentare , anche se onestamente ho poco da dire:
    1. ebbene si, sono scettico, certo lo devo essere prima che una commisione scientifica analizzi il caso, come avviene per fenomeni straordinari della mistica occidentale (che fenomeni di inedia assoluta e relativa conosce per altro molto bene).
    2. per uno aperto a dimensione spirituale- come credo di essere, anche se con sano scetticismo- non fa problema ammettere che esistano fenomeni del genere. Per ateismo scientistico (non di questo sito) sono notizie sempre fonte di notevole ansia.
    3. fortemente dubito che si tratti di fenomeni che il santone può controllare, ossia forme di energia che egli può indirizzare con sua volontà. mi sembra che in altri articoli si riporti che egli ritiene di essere in possesso di dono fatto da una certa dea, di cui assorbe energia, o che comunque gli permetta questa condizione straordinaria. sarei scettico cioè se dicesse che tutti abbiamo quella possibilità ma non sappiamo usare bene la tecnica corretta per attivare quelle energie. Io non credo che l’uomo abbia nessuna energia straordinaria in sè, per la sua naturalità, semmai gli sono concessi doni, carismi, da Dio (se va bene) da diavolo (se decisamente meno bene).
    4. detto questo basta aspettare due settimane (mi sembra sia questo il periodo di osservazione) e aspettare giudizio della scienza.. vabbè non è che servano tante strumentazioni e analisi scientifiche per vedere se mangia o meno e se dimagrisce. naturalmente deve anche vivere con ritmi normali, non passare il tempo a letto o in meditazione senza consumare energie.

    NB: tutto questo sempre ammesso che non sia una bufala a monte… scusa louxien, ma dovevo dirlo (nei tag non hai messo satira…). è notizia che in effetti è partita dopo il 1 aprile, ma forse…comunque basta aspettare.

    Mi piace

    • Vedi caro anonimo “Teologo Cattolico”, voi atei-devoti, ignorate l’esperienza spirituale
      come dimensione sperimentabile. Essa si contrappone infatti all’universo della fede dogmatica e indimostrabile nel quale vivete. E’ per questa ragione che tu (e gli altri come te) siete scettici nei confronti di coloro che vivono un qualsiasi tipo di condizione
      fisica o spirituale che esce dall’ordinario. Un uomo vive senza l’apporto di cibo e acqua? “E’ una turpe menzogna, bisogna sottoporlo ad esami approfonditi per sbugiardarlo!” Qualcuno ha il dono della visione mistica? “deve trattarsi di folle o di un ciarlatano, per bene che vada, gli consigliate di farsi visitare da un buon psichiatra”.
      Caro sedicente “Teologo Cattolico”, ogni volta che apri bocca, mi pare di udire dei
      “Rintocchi di Ossami”: professi infatti una religione (il cattolicesimo) che è morta dai secoli dei secoli.

      Mi piace

      • teologo cattolico

        ma sei sempre arrabbiata?

        se rileggi (o leggi) mio punto 2 capisci che tua obiezione al mio scetticismo è poco motivata. e già al punto 1 ricordo casi di fenomeni mstici cristiani di inedia anche assoluta (se mi chiedi te li posso anche enumerare). non vedo perchè un cristiano dovrebbe scandalizzarsi di eventi sopranaturali, o preternaturali: non mi sembra di aver detto che “sono turpe mezogna da sbugiradare..ecc”. mi concederai però che serva un minimo di controllo razionale per affermazioni del genere per non cadere in ingenuissima creduloneria: spero anche tu lo possa condividere (NB: scrivi in sito che oltre che dicitura “spirituale” porta quella di “razionale”)

        sta in pace.

        Mi piace

        • Hello Vecchio Barbagianni!
          ultime notizie sul santone digiunatore,
          dai primi esami parrebbe possedere un cervello da venticinquenne…!
          Tu vatti a fare 111 giri di rosario, e stai in pace, e soprattutto lasciaci in pace! 🙂

          Mi piace

          • teologo cattolico

            okkio a non esporti troppo… pensa che figura che faresti se si viene a scoprire che uno dei tanti ciarlatani. Almeno il mio italico cerchiobottismo mi mette al riparo in ogni eventualità…

            ti lascio alla tua pace…

            Mi piace

  2. sempre stessa storia: sappiamo per certo oramai che ognuno tira acqua al proprio mulino. Specialmente i somari abituati a farlo, con la scusa di servire il signore Iddio. Oramai la religione sappiamo che altro non è un volto di-speranza per i di-sperati; per quanto questi si aggrappino a parole divine e paroloni rimangono sempre inutili esseri parassiti che vivono solamente (anche preppotentemente) sulla credulità degli altri.
    Per questo solamente qualunque altra cosa essi dicano o facciano non ha più alcun valore. Tantomeno quando si parla di Buddha, Yogi e quanto concerne le più alte discipline/culture indiane.
    A tutti i religiosi fedeli in dio (anche se tutti falsi e ipocriti) riposatevi in pace.

    Mi piace

  3. interessante la storia di questo signore.
    @louxien: capisco che dia fastidio l’atteggiamento di chi giudica pensando che la sua sia la verità assoluta… ma mi sembra che anche tu ti metta sullo stesso piano di questa gente, nel momento in cui prendi per il culo il cattolico o ti trovi d’accordo con chi dà dell’ipocrita, falso, disperato a chi crede. non giudicare se non vuoi essere giudicata.

    Mi piace

    • Luxien (ghost whisperer)

      Lo spirito disincarnato di Luxien, ti risponde che lei è (anzi era) l’unica credente nel blog Spiritualità Razionale, in mezzo agli altri redattori che sono atei e senza dio.

      Mi piace

  4. Penso sia possibile la storia di questo yogi, la fisica quantistica lascia aperte molte possibilità, anche per fenomeni ” paranormali”….mi sembra assurdo che due “credenti”, sebbene in cose diverse (ma in fondo quanto diverse?) si scannino uno con l’altro! PS secondo me chi aggredisce è sempre in torto liberatevi dell’ego! PSS almeno provateci

    Mi piace

    • Mi hai anticipato sul tempo, caro il mio ateo-devoto
      teologo cattolico…stavo per postare un’altra edizione straordinaria per segnalare gli ultimi sviluppi.
      Vedi che avevo ragione io a “espormi” su questa vicenda?
      Ciao Cicciobello!

      Mi piace

      • teologo cattolico

        Dici che sia assodato che lo Yogi non mangi? Mah… in ogni caso interessanti- ripeto- anche i commenti, in cui si trovano sintetizzate anche alcune mie riserve e perplessità (per altro del tutto disponibili a essere ricredute, ma con particolari cautele e sotto lo sguardo di un vigilante sospetto, lontano per ora dall’essere vinto).

        Solo per curiosità e perché mi fa piacere ascoltarti: ma tu dai dunque per certo quanto sostiene lo yogi, ossia 1. che non mangia e beve da 74 anni e 2. che esista la dea Amba Mati che gli ha toccato la lingua? Se cioè dai per assodato che dice il vero quanto sostiene che non mangia allora gli credi quando parla della dea e dunque che esista il pantheon induista?… oppure disponi di qualche criterio con cui dai per scontatamente certe sua affermazioni e non altre?

        Mi piace

        • Caro cicciobello-cattolico, se tu oltre che l’ABC della Teologia
          avessi studiato anche Storia delle Religioni e Mitologia Comparata,
          sapresti che esiste una “Unità Trascendente delle Religioni”,
          e non ti meraviglieresti dell’esistenza di altre visioni del Sacro, compreso il da te tanto vituperato Pantheon induista. (che poi solo gli ignoranti considerano come una forma di politeismo…). 😉

          Mi piace

          • teologo cattolico

            mmm… non mi sembra tu mi abbia risposto..

            Che esistano “altre visioni del Sacro” lo sospetto da tempo..credo infatti che l’induismo sia una differente “visione del Sacro” rispetto ad esempio il cristianesimo…

            la domanda è se per te la specifica visione del sacro che ha l’induista – a cui dici di credere fermamente quando afferma il suo stato di inedia assoltua prolungata – è vera o meno; ossia se oltre a credergli quando dice che non mangia e beve da una vita, gli credi quando afferma l’esistenza della dea Amba Mati; se credi alla sua “visione del sacro” quanto alla sua inedia, oppure fai dei distinguo e allora a quale titolo, con quali regole e criteri. tutto qua.

            Non è comunque importantissimo, ma cerco di imparare qualcosa: specie se fai dei distinguo, quali criteri usi.

            ciao bella

            Mi piace

            • Oè, ma non posso mica mettermi a discettare di queste cose in codesto spazio succinto. Tuttalpiù, se il tuo desiderio di gnosi è sincero, posso suggerirti la lettura di alcuni testi facilmente reperibili. Ti si schiuderebbero
              ampi orizzonti, posso garantire. Un buon viatico sarebbe la lettura dell’opera di Joseph Campbell “Le Maschere di Dio”
              suddiviso in 3 voll. mitologia primitiva, mitologia occidentale, mitologia orientale. Ma alla fine non so se consigliarti questo percorso: se si comincia lo studio della Storia delle Religioni, difficilmente si crede ad una realtà religiosa assoluta: è per questo che la facoltà di Teologia in Italia è saldamente in mano alla Chiesa Cattolica.
              Sanno che la faccenda della “Fede esclusiva” gli sfuggirebbe di mano… 😛

              Mi piace

  5. Ritengo opportuno spiegare come il fenomeno sopra indicato possa avere una spiegazione nell’ambito delle pratiche Yogiche ed in particolare nel Raja Yoga .
    Segnalo comunque che molti “santi ” di diverse religioni sono vissuti a lungo senza bere e mangiare e quindi la capacità in oggetto non è solo dello Yoga .
    Chiarisco fin da ora che non parteciperò all’eventuale dibattito che potrà nascere. La mia è solo una informazione, nulla più .

    (Sutra III/30). “Kantha-kupe ksut-pipasa-nivrttih” – “Con il samyama sul vuoto della gola viene la cessazione della fame e della sete”. Come detto nel precedente sutra di Patànjali, il sanyama sul chakra dell’ombelico ha permesso allo yogin di conoscere fra le varie ghiandole della gola, la ghiandola che controlla la fame e la sete, e ciò consentirà di rendere volontarie anche tali sensazioni.

    Le ghiandole in questione, poste nella trachea o nel cavo della gola, non vengono qui specificate da Patànjali, ciò per impedire che persone sconsiderate possano avventurarsi alla cieca in campi a loro ignoti e magari nuocere a loro stessi. Bisogna sempre ricordare che tutti i sutra che trattano dei poteri psichici sono suscettibili di una interpretazione inferiore e di una superiore.

    Quando sarò compresa la natura del centro Ajna, il chakra della gola, e facendo poi il samyama su di esso, lo yogin potrà inibire volontariamente le sensazioni della fame e della sete, e potrà astenersi da cibi e da bevande anche a tempo indeterminato. .Ma tutti questi sono poteri “inferiori”, interessano relativamente lo studioso del Raja Yoga, in quanto sono considerati effetti secondari nello sviluppo dell’anima, che resta sempre la cosa più importante e la vera meta dello yogin.

    Per questi tipi di samyama, la maniera di pensare deve essere appresa secondo il modo specifico dello yoga e direttamente dalla bocca di un Maestro. Altrimenti, e senza la sufficiente consapevolezza, l’aspirante yogin potrebbe essere indotto a certe pratiche che sono anche fisicamente pericolose, qualora non supportate dai processi di sublimazione e trasmutazione delle energie dei vari chakra collegati.

    Peraltro, anche fame e sete sono due aspetti del desiderio: uno maschile, positivo e avido (fame) e l’altro negativo, femminile e ricettivo (sete). Perciò, queste due parole (fame e sete), sono anche simboli di due potenti impulsi presenti anche in quello sessuale. Questi opposti impulsi, che stanno sempre alla base della grande battaglia che si compie nel campo dei desideri, alla fine devono essere completamente bilanciati ed equilibrati

    Mi piace

    • teologo cattolico

      grazie per contributo.

      anche io penso che si tratti di controllo degli stimoli di fame e sete, più che contraddizione dell’assioma entropico (cosa per altro non escludo a priori, come ho rimarcato).

      inoltre nelle poche informazioni al proposito si dice che lo Yogi era quasi sempre in stato di meditazione (con metabolismo ridotto dunque), oltre ad aver saltuariamente praticato dei gargarismi con acqua (!!!), cosa che almeno io faccio molto raramente durante alcuni periodi invernali in cui ho tonsille infiammate con acqua e iodosan: ..succederà una volta ogni due anni (non so se è abitudine indiana)….

      Mi piace

  6. in verita vi dico che per chi e nato la morte e sicura il gia essere nato e un mistero e tutto le frontiere che l´uomo si crea sono bastone tra le gambe verso la liberta dell´anima facendogli credere che e´il corpo nel . voi ancora siete pieni di frontiere perche qualsiasi forma di religione o di nazionalita o etichette ´vi inpediscono di vedere . nel momento che l´anima si rende conto di non eessere il corpo ma e solo un veicolo puo succedere di tutto .siva budda cristo krisna hanno parlato sempre in modo universale . il potere e´il quarto nemico dell´uomo.ps. molte frasi li conoscete gia presunzione arroganza cupidigia insulto ecc. portano solo all aridita´dlella vita in conseguenza alla perdita di una possibilita´di liberarsi dal dubbio

    Mi piace

  7. Compiango il povero Jani che si priva di ogni piacere nell’unica vita che abbiamo.

    Mi piace

  8. Penso che il santone che non mangia e vive tranquillamente è una bufala.Qualsiasi corpo umano o animale ha bisogno per vivere di energia sottoforma di proteine vegetali e animali.Non si può vivere di aria fritta.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...