Cosa la Chiesa non vuole che tu sappia

Da La verità sulla religione cristiana:

È stato spesso enfatizzato il fatto che la Cristianità è diversa da ogni altra religione, poiché essa è tale per indiscutibili eventi accaduti entro un breve periodo di tempo, circa 20 secoli fa. Quelle storie sono presentate nel Nuovo Testamento e, come le nuove prove dimostrano, diverrà chiaro che esse non rappresentano la realtà storica.

La Chiesa è d’accordo, dicendo:
“Le nostre fonti documentali di conoscenza sulle origini della Cristianità e i suoi recenti sviluppi, sono principalmente le Scritture del Nuovo Testamento, l’autenticità delle quali noi dobbiamo, in larga misura, ritenere per certa.” (Catholic Encyclopedia, Farley ed., vol. iii, p. 712)

La Chiesa fa straordinarie ammissioni sul suo Nuovo Testamento. Per esempio, quando discute l’origine di quelle scritture, “il più eminente corpo di opinioni accademiche mai assemblato” (Catholic Encyclopedias, Preface), ammette che i Vangeli “non risalgono al primo secolo dell’era Cristiana” (Catholic Encyclopedia, Farley ed., vol. vi, p. 137, pp. 655-6). Questa affermazione è in conflitto con le asserzioni del clero che i primi Vangeli furono progressivamente scritti nei decenni successivi alla morte di Gesù Cristo.

In una annotazione a parte, la Chiesa aggiunge che “i più remoti manoscritti ancora esistenti [del Nuovo Testamento], in effetti, non è più antica della metà del quarto secolo dopo Cristo” (Catholic Encyclopedia, op. cit., pp. 656-7). Vale a dire, qualcosa come 350 anni dopo il tempo in cui la Chiesa afferma che un Gesù Cristo ha camminato sulle sabbie della Palestina, e qui la vera storia delle origini Cristiane scivola in uno dei più grandi buchi neri della storia. C’è comunque una ragione perché non c’erano Nuovi Testamenti fino al quarto secolo: essi non erano stati scritti fino ad allora, e qui noi troviamo la prova della più grande errata rappresentazione di tutti i tempi.

Fu il britannico Flavio Costantino (Costantino, originariamente Custennyn or Custennin) (272-337) che autorizzò la compilazione delle scritture ora chiamate Nuovo Testamento.

Originale

Advertisements

Una risposta a “Cosa la Chiesa non vuole che tu sappia

  1. Pingback: Notizie dai blog su 27.03.2010 - gurderanno colui che hanno trafitto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...