Introduzione al Canone

Storia, testo ed interpretazione

Frutto come anche radice

La questione del canone del Nuovo Testamento, cioè della lista ufficiale delle scritture o indice dei contenuti, come tutti riconoscono, è di vitale importanza, ed anche più importante di quanto molti si rendono conto. Da un lato, se si considera la Bibbia come la sacra scrittura ispirata ed autorevole, è ovviamente un aspetto vitale mettere in chiaro circa quali scritture debbono avere l’autorità sulla fede e la coscienza e quali no. Credere nella sacra scrittura in generale non significa niente: è una materia riguardante affermazioni specifiche, ordini, dottrine e riti ed alcuni compaiono in alcuni documenti, altri in altri documenti. Per questo motivo, i Protestanti seguono Martin Lutero nel rifiutare sia il libro di 2 Maccabei che la pratica di pregare per i morti, che è promossa in esso. Sono pronti a credere nella assunzione corporea di Elia in cielo poiché questo evento è raccontato in 2 Re, ma scherniscono l’ascensione corporea della Vergine Maria poiché questa credenza molto simile è raccontata soltanto in scritti non-canonici come il La Dormizione della Santa madre di Dio. Similmente, i biblisti che si oppongono all’aborto avrebbero un caso molto più semplice da sostenere se l’Epistola di Barnaba o l’Apocalisse di Pietro fossero state ammesse nel canone, poiché condannano esplicitamente l’aborto, mentre la pratica non viene menzionata in alcun documento considerato canonico.

Un aspetto ancora più cruciale è quello dell’autorità che è alla base della bibbia. Se i testi della sacra scrittura autorizzano ogni cosa nella fede e nella pratica cristiana, che cosa è che autentica il canone biblico? Non è come se la bibbia sia stata consegnata dalla mano di un angelo come il libro dei Mormoni o sia stata dettata da un angelo come il Corano. La bibbia, come tutti sanno, è un compilazione di molte brevi scritture, molte di loro sono i prodotti di parecchi scrittori, dei redattori, dei revisori e degli scrivani. In più, c’erano libri dello stesso tipo che alla fine non sono riusciti ad entrare nella lista canonica. Chi decise riguardo alla lista e come hanno deciso? La Bibbia è non solo l’inizio di un processo teologico ma è in se la conclusione di un altro. Vale la pena di esaminare indietro “come venne fuori la Bibbia”, come Edgar J. Goodspeed usava dire. Quando avremo fatto ciò, saremo in una posizione per rivalutare altri libri che non sono stati resi canonici.

Traduzione da “Pre Nicene New Testament” di Robert M. Price

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...