Giudaismo, Cristianesimo e Droghe

È pure ripugnante ai così chiamati moralisti la nozione di uso “ricreativo” o “spirituale” delle droghe, anche se la storia di tale uso di droga risale a molte migliaia di anni fa, con numerose culture che utilizzavano erbe, piante e funghi per una varietà di motivi, inclusi scopi medicinali e religiosi. Infatti, innumerevoli culture hanno posseduto piante sacre, erbe, funghi o altre “droghe” enteogeniche che permettevano la divinazione e la comunione. Tali piante-droghe sacre includevano la misteriosa “Soma”, che era personificata come un dio-insegnante nel testo Indiano del Rig Veda, come anche Haoma, la versione Persiana della pianta-insegnante. Anche l’oppio, l’hashish e la cannabis hanno una lunga storia di uso nel culto religioso e nelle pratiche spirituali. Per esempio, su tavolette Sumere che datano al 5000 A.C. circa ci sono riferimenti ad una “pianta della gioia”, che si credeva fosse il papavero, da cui si ricava l’oppio.45 I Cinesi registrarono l’uso della cannabis, canapa o marijuana tanto anticamente fino al 3° millennio A.C., e l’uso della cannabis in India iniziò almeno 4.000 anni fa. Inoltre, i maghi e i “medici” spirituali, o “Terapeuti”, erano dei girovaghi spacciatori di droghe e membri di una rete della fratellanza, nella quale le droghe venivano usate per iniziazione e divinazione. Certamente, c’è stato molto uso di droghe nel Levante e nel Medio Oriente, anche tra i popoli biblici:

Quantunque alcuni storici siano riluttanti ad attribuire l’uso di droghe ai Popoli semiti, il Vecchio Testamento abbonda di riferimenti alla coltivazione e alla somministrazione di erbe medicinali. C’è, per esempio, in inventario provocatorio di piante favorite nel Cantico di Salomone del Vecchio Testamento(4:13-14)…. Mentre molti dei riferimenti apparenti alle droghe nel Vecchio Testamento resta aperto a ricerche, c’è poco dubbio che un incidente registrato nella Genesi si riferisca ad ubriacatura da alcool.46

L’alcool, naturalmente, è una potente droga, ma non è biasimato nel Cristianesimo perché è veramente drogante e stupefacente, mentre enterogeni, incluso il “fungo magico”, hanno l’abilità di accrescere la consapevolezza e l’acutezza. Infatti, ci sono stati molti culti dei funghi, che vanno indietro fino alla Fumeria, e secondo Allegro e altri, molta della letteratura sacra del modo ha incorporato il fungo in modo esoterico. Veramente, è stato supposto che la biblica “manna dal cielo” si riferisca in realtà ad un fungo psichedelico, una nozione che implica che Mosè e il suo equipaggio fossero in un viaggio lunghissimo e strano nei loro 40 anni di girovagare nel deserto vivendo di manna. Senza prendere in considerazione se la manna sia il fungo magico o meno, i culti del fungo sono stati reali e influenti nella storia. Inoltre, Maxwell sostiene che i sacerdoti di Israele fossero noti per l’uso di funghi:

Molta gente non è consapevole che questo tipo di assunzione di funghi allucinogeni da parte del sommo sacerdote di Israele, fosse, di fatto, una parte molto integrale della vecchia teologia Ebraica e della vecchia tradizione Ebraica…. ed ancora usato oggi nel Medio Oriente.47

Infatti, il sommo sacerdote di Israele indossava un copricapo, a forma di fungo, come fanno fino ad oggi gli ufficiali della Chiesa Ortodossa Orientale, che riflette la venerazione esoterica di questo fungo sacro.48 Così, l’uso di droga non finì con l’avvento del Cristianesimo. Come i copricapo Ortodossi Orientali, l’onnipresente cupola dell’architettura è un riflesso del culto del fungo. In aggiunta, in una chiesa crollata a Plaincourault, in Francia, c’è un affresco che data al 13° secolo che raffigura la pianta dell’Eden della conoscenza come gambo con funghi di amanita muscaria che si diramano da esso. Inoltre, l’uso di droga era dilagante per tutta l’Europa Cristiana, ed anche Papa Leone XIII usava “una mistura di foglia di coca e vino rosso”.49

Come dicono Baigent e Leigh:

….c’è poca disputa oggi sul fatto che tra i culti, le sette e le scuole di misteri delle religioni dell’antico Medio Oriente fossero usate droghe – psichedeliche e di altri tipi – almeno fino ad una certa misura– come di fatto lo furono, e continuano ad essere usate, intorno al mondo. Non è certamente inconcepibile che tali sostanze fossero note al Giudaismo del 1° secolo e dal Cristianesimo primitivo, e forse impiegate da essi.50

Infatti, la supposizione di Allegro che “Gesù” fosse un dio fungo non è non-plausibile, considerando quanto fosse diffuso il culto pre-Cristiano di Gesù/Salvezza e come altre culture dipingono i loro particolari enteogeni come “maestri” e “dei”. Comunque, questa identificazione col fungo rappresenterebbe solo un aspetto del mito di Gesù e della Cospirazione di Cristo, che, come abbiamo visto incorporò virtualmente ogni cosa a portata di mano, incluso il sesso e le droghe, largamente percepite come “pie (divine)” nelle culture pre-Jahviste e pre-Cristiane.

Citazioni:

38. Eusebius, 125.

39. Barnstone, 339.

40. Barnstone, 340.

41. Akerley, 73.

42. Leedom, 120.

43. Carpenter, 184-5.

44. Carpenter, 191.

45.”The History of Drugs and Man, Anonymous.

46.”The History of Drugs and Man, Anonytnous.

47.”Symbols, Sex and the Stars.”

48.’Symbols, Sex and the Stars.’

49.”The History of Drugs and Man, Anonymous.

50. Baigent & Leigh, 61.

Bibliografia

Da “The Christ Conspiracy” di Acharya s

Movimento LaicoResistenza LaicaCollaboratori di Resistenza Laica

Annunci

Una risposta a “Giudaismo, Cristianesimo e Droghe

  1. alberto vailati

    interessante

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...