Interventi miracolosi al Parlamento

Il 27/12/07 Eugenio Scalfari in un suo commento intitolato “Non nominate il nome di Dio invano” scrive:

MI HANNO molto colpito I pensieri e le parole scritte nei giorni scorsi dalla senatrice Paola Binetti e da lei affidate in una lettera al “Foglio” che, a quanto lei stessa scrive, è ormai il suo giornale di elezione. Il testo di quella lettera è stato poi integralmente ripubblicato dal “Corriere della Sera”.
E di nuovo la senatrice ha ripetuto e ancor più estesamente formulato I suoi pensieri in un dialogo sulla “Stampa” con Piergiorgio Odifreddi.

Il tema di questi interventi è singolare. Viene affrontato per la prima volta nel mondo e per la prima volta nella Chiesa cattolica da parte d’un cattolico militante che si riconosce in un partito ed ha un seggio nel Senato della Repubblica. Si tratta dell’intervento di Dio nella formulazione delle leggi, sollecitato dalle preghiere della senatrice devota.

Ricordo il caso per completezza di informazione. Si votò pochi giorni fa in Senato la conversione in legge del decreto sulla sicurezza. Tra le varie norme ce n’era una che configurava come reato di razzismo la discriminazione nei confronti degli omosessuali effettuata con atti o parole di istigazione a discriminare. La Chiesa si allarmò per timore che la sua predicazione che considera l’amore tra omosessuali una devianza contro natura venisse giudicata reato penalmente perseguibile. Reclamò la cancellazione di quella norma e invitò esplicitamente I parlamentari cattolici a votare contro di essa.

Si trattava con tutta evidenza d’un intervento e d’una interferenza che violavano in modo grave le disposizioni concordatarie. Talmente scoperta – quell’interferenza – da richiedere una protesta formale del governo nei confronti della Santa Sede. Protesta che invece e purtroppo non c’è stata. Il governo però, a sua volta allarmato dai possibili effetti di quell’interferenza clericale, pose la fiducia sul decreto e sui singoli articoli. I molti parlamentari cattolici che fanno parte della maggioranza votarono la fiducia pur con qualche disagio di coscienza. La Binetti, anch’essa con qualche disagio di segno opposto, votò invece contro la fiducia, cioè contro il suo partito e il suo governo, in obbedienza al dettame della gerarchia ecclesiastica romana.

…………..

Ma ecco a questo punto insorgere un secondo caso Binetti ben più clamoroso del precedente, anche se per fortuna senza effetti parlamentari immediati. E sono appunto le lettere al “Foglio” e il dibattito sulla “Stampa” dove la senatrice sostiene la tesi del miracolo. L’errore di sbaglio, la citazione incomprensibilmente sbagliata non si può attribuire, secondo la Binetti, ad una trascuratezza umana. Quella trascuratezza c’è indubbiamente stata, ma non è né dolosa né colposa. E’ talmente macroscopica e impensabile che non può che essere stata effetto d’un “intervento dall’Alto” – così testualmente scrive la Binetti – stimolato dalle sue preghiere.

La senatrice enumera altri casi di leggi e norme da lei ritenute indispensabili per il bene della comunità e della morale, che sono state approvate in Parlamento e da lei attribuite ad altri “interventi dall’Alto”, anch’essi stimolati dalle sue preghiere.

Altre norme da lei desiderate e altre preghiere da lei elevate al cielo non hanno invece trovato ascolto (è sempre la senatrice che parla) ma ella non dispera che lo troveranno in un prossimo futuro.

Siamo di fronte ad un caso che, come ho prima accennato, non ha riscontro nella storia né parlamentare né religiosa di nessun Paese. Leggi e norme sull’approvazione delle quali si sarebbero verificati interventi di Dio in accoglienza di preghiere di parlamentari. Come giudicare simili affermazioni? Una presunzione inaudita? Un disturbo mentale? Una fede capace di muovere le montagne e quindi nel caso specifico di ottenere risultati parlamentari altrimenti inspiegabili? Una forma di fondamentalismo ideologico che può suscitare un anti-fondamentalismo di analoga natura ma di segno diverso?

Continua

******

Vista la familiarità della Binetti con le “alte sfere” e i risultati che ottiene non sarebbe il caso di farle un elenco dei principali problemi del paese? Si potrebbe cominciare, ad esempio, dall’emergenza rifiuti in Campania, o dall’inefficienza delle istituzioni o dai problemi che tanti hanno per arrivare a fine mese….

Ciascuno può contribuire a completare e ordinare l’elenco in base ad una scala di necessità e urgenza!

Da parte nostra potremmo chiedere che venga abolito il Concordato, l’otto per mille, i privilegi della Chiesa, l’ora di religione, ecc. ma sarebbe troppo chiedere questo al Dio della Binetti!!! Dovremmo rivolgerci ad un altro Dio: ce ne sono tanti!

Resistenza LaicaCollaboratori di Resistenza Laica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...